FSK utilizza i Cookies per migliorare la vostra esperienza su questo sito. Proseguendo la navigazione nel nostro sito web, senza modificare le impostazioni dei Cookies, acconsentite all’utilizzo degli stessi.
Se volete saperne di più su come li utilizziamo, vi invitiamo a consultare la nostra Cookies policy.

Fondazione Smith Kline

Prevenzione

Promozione della salute, corretti stili di vita, adeguato ricorso alle vaccinazioni quando disponibili sono strumenti fondamentali per migliorare lo ...

Articoli

News

Eventi

Informazioni essenziali ai pazienti

Politiche sociali e sanitarie

La sostenibilità del sistema sanitario e la crescita del welfare rappresentano tematiche di grande interesse. Fondazione Smith Kline vuole ...

Articoli

News

Eventi

Innovazione

Attraverso il contributo dei Gruppi di lavoro e dei maggiori esperti in questo ambito, la Fondazione Smith Kline intende favorire il percorso di ...

News

Eventi

Gruppi di lavoro

Ultimi Gruppi attivi aggiornati

"PRO CTCAE"

La segnalazione di eventi avversi (AE, Adverse Events) è obbligatoria nella ricerca clinica, per garantire la sicurezza e rilevare la tossicità: la produzione, la registrazione, il monitoraggio e l'analisi dei dati devono essere accurati, affidabili e trasparenti. Il CTCAEs (Common Terminology Criteria for Adverse Events) è il sistema di misurazione degli eventi avversi del NCI (National Cancer Institute) definito da 800 elementi, classificati per gravità, ed è obbligatorio per le sperimentazioni del NCI. Il CTCAEs comprende 3 categorie di eventi avversi: eventi relativi a parametri di laboratorio, eventi osservabili ed eventi avversi sintomatici. Queste informazioni vengono riportate dai clinici che filtrano quanto è riportato dal paziente. Ci sono consistenti prove che il filtro da parte del clinico porti alla perdita di informazioni e l'importanza della prospettiva del paziente è ben riconosciuta. I sintomi (es. affaticamento, nausea, vomito, dolore) vengono riportati più correttamente dai pazienti e le loro segnalazioni si correlano meglio con il loro stato funzionale ...
Vai al Gruppo >

"Appropriatezza prescrittiva nell’infezione da HIV nella Regione Veneto"

Il progresso nella ricerca scientifica e assistenziale e l'introduzione di nuove molecole in area HIV sembrano aver ribaltato, nel giro di quindici anni circa, i paradigmi che contraddistinguevano il settore: da patologia a elevato rischio di mortalità, oggi l'HIV assume sempre più i contorni di una condizione «cronica», in cui l'ipotesi di decesso sembra essere circoscritta solamente ai casi di comorbidità più complessi. Da qui le necessità di ripensamento che il paziente HIV cronico pone oggi al SSN e ai SSR , suscitando riflessioni in merito all'aderenza alla terapia, alla richiesta continua di assistenza, alla necessità di una visione patient oriented e di una continua ricerca di innovazione nell'area. In uno scenario che si prospetta delicato per gli Operatori dei Sistemi Sanitari, nel tentativo di trovare il giusto equilibrio fra sostenibilità e garanzia di accesso all'innovazione, il ripensamento della natura cronica dell'HIV porta oggi alla necessità di armonizzare le modalità prescrittive della terapia per il paziente, monitorandone l'appropriatezza e ...
Vai al Gruppo >

Tutti i gruppi attivi >
I gruppi conclusi >
Accedi all'area riservata >