FSK utilizza i Cookies per migliorare la vostra esperienza su questo sito. Proseguendo la navigazione nel nostro sito web, senza modificare le impostazioni dei Cookies, acconsentite all’utilizzo degli stessi.
Se volete saperne di più su come li utilizziamo, vi invitiamo a consultare la nostra Cookies policy.

Fondazione Smith Kline

 

Un’etica per la vaccinazione materna: il coinvolgimento delle donne è fondamentale per stabilire linee guida appropriate

06.11.2017

Le innovazioni nella scienza vaccinale ci hanno dato un'occasione incredibile per sfruttare il sistema immunitario materno finalizzato a migliorare la salute materno-fetale e infantile.
La vaccinazione materna riduce il rischio di infezione infantile principalmente attraverso il trasferimento di anticorpi materni protettivi, al feto.

Anche se cresce il numero di paesi che stanno adottando la vaccinazione materna contro malattie come l'influenza e la pertosse, c'è un aumento del coinvolgimento delle donne in gravidanza negli studi clinici per nuovi vaccini, mentre c'è poca discussione circa i fondamenti etici nei programmi di ricerca nel campo della vaccinazione materna.
Appaiono così troppo paternalistiche le proposte per affrontare il problema, fondate su una concezione troppo limitata di rischio-beneficio, analisi che potenzialmente potrebbero far deragliare lo sviluppo
e l'uso di vaccini salvavita.

Al contrario, se ci si concentrasse su di un approccio etico verso gli interessi primari nella protezione delle madri e dei loro figli, questo potrebbe servire come base nella definizione di un quadro etico che guidi le politiche vaccinali.

» Science: "Ethics of maternal vaccination"

Vai all'archivio

Inizio pagina