FSK utilizza i Cookies per migliorare la vostra esperienza su questo sito. Proseguendo la navigazione nel nostro sito web, senza modificare le impostazioni dei Cookies, acconsentite all’utilizzo degli stessi.
Se volete saperne di più su come li utilizziamo, vi invitiamo a consultare la nostra Cookies policy.

Fondazione Smith Kline

 

PSA: Recenti modelli nel processo decisionale condiviso per l’utilizzo del test antigene prostatico specifico negli Stati Uniti

27.03.2018

Le raccomandazioni per lo screening per il cancro alla prostata attraverso il test di dosaggio dell'antigene prostatico specifico (PSA) è cambiato negli ultimi anni e varia a seconda dei vari istituti che lo raccomandano.

Esiste tuttavia un consenso virtuale che il test del PSA non dovrebbe essere effettuato senza un processo decisionale condiviso e che gli uomini di età ≥75 anni o quelli con un'aspettativa di vita limitata, non dovrebbero poter utilizzare il test.

Il processo decisionale condiviso è un processo in cui i medici dovrebbero trasmettere ciò che si sa di un intervento medico come un test per uno screening preventivo.
Inoltre, i pazienti dovrebbero poter condividere e sottolineare le loro esigenze e preferenze quando scegliere un determinato intervento.
Precedenti studi riportano un uso non proprio frequente di processi decisionali condivisi per il test dell'antigene prostatico specifico (PSA). Non è noto se questo modello sia cambiato recentemente a fronte di una maggiore enfasi sul processo decisionale condiviso nelle raccomandazioni di screening del cancro alla prostata.

Pertanto, l'obiettivo di questo studio è esaminare i recenti cambiamenti nel processo decisionale condiviso in questo contesto.

» Annfammed.org: "In This Issue: Refining Care and its Frameworks"

» Annfammed.org: "Recent Patterns in Shared Decision Making for Prostate-Specific Antigen Testing in the United States"

Vai all'archivio

Inizio pagina