FSK utilizza i Cookies per migliorare la vostra esperienza su questo sito. Proseguendo la navigazione nel nostro sito web, senza modificare le impostazioni dei Cookies, acconsentite all’utilizzo degli stessi.
Se volete saperne di più su come li utilizziamo, vi invitiamo a consultare la nostra Cookies policy.

Fondazione Smith Kline

 

Prevenzione della demenza senile: è la velocità dell’allenamento cognitivo a determinare un minor rischio di demenza

24.11.2017

L'allenamento cognitivo migliora le prestazioni cognitive e ritarda il deterioramento funzionale, ma i suoi effetti sulla demenza non sono noti.

Sono stati esaminati i dati per evidenziare se tre diversi tipi di l'allenamento cognitivo possano aver ridotto il rischio di demenza in 10 anni di follow-up rispetto ai controlli e se un numero maggiore di sessioni di formazione era associato a un rischio inferiore di demenza.
Il corso di Advanced Cognitive Training in Vital Elderly (NCT00298558) è stato utilizzato per uno studio randomizzato e controllato (N 5 2802) tra anziani (anziani inizialmente sani), che ne hanno esaminato l'efficacia attraverso tre programmi di allenamento cognitivo (memoria, ragionamento o velocità di elaborazione) confrontati con un modello di controllo non trattato.
In questo studio sono state programmate fino a 10 sessioni di formazione nell'arco di 6 settimane con un massimo di quattro sessioni di training di potenziamento erogato a 11 mesi e una seconda serie fino a quattro sessioni di potenziamento a 35 mesi.
Le valutazioni di esito sono state prese immediatamente dopo l'intervento e a intervalli superiori a 10 anni. La demenza è stata definita utilizzando una combinazione di metodi basati su interviste e prestazioni.

Tra i risultati risulta evidente come, gli anziani tra i più anziani, randomizzati attraverso la velocità di elaborazione dell'apprendimento cognitivo, avevano una riduzione del 29% del rischio di demenza dopo 10 anni di follow-up, rispetto al gruppo di controllo non trattato.

» Elsevier - Alzheimer's & Dementia: "Speed of processing training results in lower risk of dementia"

Vai all'archivio

Inizio pagina