FSK utilizza i Cookies per migliorare la vostra esperienza su questo sito. Proseguendo la navigazione nel nostro sito web, senza modificare le impostazioni dei Cookies, acconsentite all’utilizzo degli stessi.
Se volete saperne di più su come li utilizziamo, vi invitiamo a consultare la nostra Cookies policy.

Fondazione Smith Kline

 

Morti Evitabili: il Rapporto MEV(i) 2018

09.02.2018

MEV(i) stima in circa 105.000 le morti evitabili avvenute nel 2015 entro i primi 75 anni di vita e l'analisi territoriale porta il Trentino Alto Adige al primo posto nella classifica regionale dei giorni perduti std pro-capite, mantenendo invece la Campania all'ultimo posto, così come Napoli fa registrare il massimo valore per entrambi i generi nella classifica provinciale, dove Treviso si conferma la provincia con l'indicatore più basso per le femmine e lascia il posto a Riminiper quello calcolato per i maschi.

Il Rapporto MEV(i) 2018 dedica, in occasione della Giornata Mondiale contro il Cancro (World Cancer Day), un focus ai tumori, dove si evidenzia una importante variabilità sul territorio nazionale a carico dei principali gruppi di cause considerati: apparato respiratorio e organi intratoracici, intestino e mediastino, mammella e utero.

Il 2015 è stato invece l'anno della "supermortalità": MEV(i) evidenzia infatti come si tratti di casi concentrati nella fascia ultra75enne e porta all'attenzione il fenomeno della mortalità per i più anziani legata alle infezioni dell'apparato respiratorio e ad altre malattie infettive virali e batteriche.

» Rapporto MEVI 2017

» Rapporto MEVI 2018

Vai all'archivio

Inizio pagina