FSK utilizza i Cookies per migliorare la vostra esperienza su questo sito. Proseguendo la navigazione nel nostro sito web, senza modificare le impostazioni dei Cookies, acconsentite all’utilizzo degli stessi.
Se volete saperne di più su come li utilizziamo, vi invitiamo a consultare la nostra Cookies policy.

Fondazione Smith Kline

 

Inquinamento atmosferico e malattie cardiovascolari

31.01.2018

Ecco un'associazione ben documentata tra esposizione umana all'inquinamento atmosferico da particelle fini (PM2,5) e un aumentato rischio di malattie cardiovascolari e morte.

In effetti, per quanto riguarda l'onere globale della malattia lo studio Global Burden Disease (GBD) 3 ha recentemente stimato che l'esposizione a PM2/5 ha contribuito a 4,2 milioni di morti nel 2015, rappresentando così il fattore di rischio quinto classificato per le morti globali; di questi, la mortalità da malattie cardiovascolari (CVD, cioè ictus, malattie cardiache e cerebrovascolari) deriva per la maggior parte, alle morti attribuite all'aria contenente PM2/5 e all'inquinamento ambientale.

» The Lancet: "Walking to a pathway for cardiovascular effects of air pollution"

Vai all'archivio

Inizio pagina