FSK utilizza i Cookies per migliorare la vostra esperienza su questo sito. Proseguendo la navigazione nel nostro sito web, senza modificare le impostazioni dei Cookies, acconsentite all’utilizzo degli stessi.
Se volete saperne di più su come li utilizziamo, vi invitiamo a consultare la nostra Cookies policy.

Fondazione Smith Kline

 

Infezione cronica da epatite B: una recente revisione

03.05.2018

Più di 240 milioni di persone in tutto il mondo sono infette in modo cronico dal virus dell'epatite B (HBV).

Tra le persone con infezione cronica da HBV non trattate, dal 15% al 40%, la stessa progredisce verso la cirrosi, cosa che può portare a insufficienza epatica e cancro al fegato.

Il trattamento antivirale con interferone pegilato o un analogo nucleotide (lamivudina, adefovir, entecavir, tenofovir disoproxil o tenofovir alafenamide) deve essere offerto a pazienti con infezione cronica da HBV e infiammazione del fegato nel tentativo di ridurre la progressione della malattia epatica.

La terapia con interferone pegilato può essere completata in 48 settimane e non è associata allo sviluppo di resistenza; tuttavia, il suo utilizzo è limitato dalla scarsa tollerabilità e dagli effetti avversi quali la soppressione del midollo osseo e l'esacerbazione di sintomi neuropsichiatrici esistenti come la depressione.

Gli analoghi dei nucleotidi invece dovrebbero essere considerati come terapia di prima linea. Poiché i tassi di guarigione con altre terapie sono bassi, la maggior parte dei pazienti richiederà una terapia definitiva.

https://jamanetwork.com/journals/jama/article-abstract/2679946?utm_source=silverchair&utm_medium=email&utm_campaign=article_alert-jama&utm_content=etoc&utm_term=050118&redirect=true

Vai all'archivio

Inizio pagina