FSK utilizza i Cookies per migliorare la vostra esperienza su questo sito. Proseguendo la navigazione nel nostro sito web, senza modificare le impostazioni dei Cookies, acconsentite all’utilizzo degli stessi.
Se volete saperne di più su come li utilizziamo, vi invitiamo a consultare la nostra Cookies policy.

Fondazione Smith Kline

 

Il cane è davvero il miglior amico dell’uomo!

13.06.2017

Per gli anziani l'attività fisica regolare rappresenta uno strumento fondamentale in chiave preventive, ma spesso occorre trovare le giuste motivazioni per muoversi con regolarità. La presenza di un cane si può rivelare un formidabile stimolo in questo senso, come conferma una ricerca apparsa su BMC Public Health e condotta all'Università scozzese Glasgow Caledonian. Lo studio ha preso in esame 86 persone over-65 monitorandone l'attività fisica per tre settimane.

Metà dei partecipanti aveva un cane, l'altra metà no. In media, chi viveva con un amico a quattro zampe ogni giorno camminava per 22 minuti e faceva circa 2760 passi in più rispetto a chi non aveva in casa l'animale. Secondo gli autori dello studio, nel corso di una settimana il movimento in più indotto dalla presenza dell'animale era sufficiente per raggiungere le indicazioni dell'OMS che consiglia almeno 150 minuti la settimana di attività fisica moderata o intensa.

Sul fronte delle strategie di prevenzione questa sorta di "Pet-Therapy" potrebbe rappresentare quindi un valido strumento di sanità pubblica consentendo alle persone anziane di mantenere una valida attività fisica.

Vai all'archivio

Inizio pagina