FSK utilizza i Cookies per migliorare la vostra esperienza su questo sito. Proseguendo la navigazione nel nostro sito web, senza modificare le impostazioni dei Cookies, acconsentite all’utilizzo degli stessi.
Se volete saperne di più su come li utilizziamo, vi invitiamo a consultare la nostra Cookies policy.

Fondazione Smith Kline

 

HIV e sex workers: quali politiche di prevenzione?

21.09.2018

I lavoratori del sesso: femminili, maschili e transgender continuano ad avere oneri sproporzionatamente elevati di infezione da HIV nei paesi a basso reddito, a medio reddito e ad alto reddito nel 2018, rispetto alla popolazione generale.

A 4 anni dalla serie di Lancet sull'HIV e il sesso, l'analisi aggiornata di il carico globale di HIV tra le lavoratrici del sesso femminile mostra che la prevalenza dell'HIV è inaccettabilmente elevata al 10.4% (95% CI 9.5 - 11.5) ed è sostanzialmente invariata. Dati epidemiologici completi sulla copertura dell'HIV e della terapia antiretrovirale (ART) sono scarsi, in particolare tra le donne transgender. La copertura prolungata del trattamento è marcatamente disomogenea e messa in discussione dalla mancanza di progressi in termini di stigmatizzazione e criminalizzazione e di violazioni costanti dei diritti umani.

Sebbene siano stati compiuti importanti progressi negli interventi biomedici con profilassi pre-esposizione e primi progetti di fattibilità e conferme ART, le coperture e il mantenimento limitati, suggeriscono che sono necessari investimenti sostenuti in interventi comunitari e strutturali per i lavoratori del sesso per beneficiare degli interventi e dei trattamenti preventivi che altri le popolazioni chiave hanno. I progressi basati sull'evidenza sulla completa depenalizzazione basati sulla tutela della salute e sulla difesa dei diritti umani - una raccomandazione chiave di Lancet - si sono arrestati, con il Sud Africa che rappresenta un'eccezione degna di nota. Inoltre, diversi paesi hanno ulteriormente revocato i diritti alle lavoratrici del sesso. La rimozione delle barriere legali attraverso la depenalizzazione del lavoro sessuale, insieme agli investimenti politici e di finanziamento per sostenere gli interventi preventivi comunitari e strutturali, sono urgentemente necessari per invertire la tendenza dell'HIV e assicurare la salute e i diritti umani per tutte le tipologie di sex worker.

» The Lancet: "The global response and unmet actions for HIV and sex workers"

Vai all'archivio

Inizio pagina