FSK utilizza i Cookies per migliorare la vostra esperienza su questo sito. Proseguendo la navigazione nel nostro sito web, senza modificare le impostazioni dei Cookies, acconsentite all’utilizzo degli stessi.
Se volete saperne di più su come li utilizziamo, vi invitiamo a consultare la nostra Cookies policy.

Fondazione Smith Kline

 

Epidemia influenzale 2017/2018: il vaccino funziona meno?

22.01.2018

Theresa Tam, direttrice della Sanità pubblica canadese ipotizza che la presenza di un ceppo influenzale A particolarmente aggressivo, sia probabilmente responsabile di una minore efficacia del vaccino allestito per l'attuale stagione influenzale. Questa ipotesi appare basata sul fatto - ha spiegato - che nell'emisfero Sud, dove la stagione influenzale è già passata, si è registrata una scarsa efficacia vaccinale contro l'H3N2. Il problema, ha sottolineato però l'esperta, non deve mettere in discussione la necessità di vaccinarsi, dato che la protezione è comunque valida su diversi ceppi virali in circolazione. In sostanza, l'efficacia è molto buona su alcuni tipi di virus e meno su altri.

Anche negli USA, infatti durante la settimana 52 (24-30 dicembre 2017), l'attività influenzale è aumentata notevolmente negli Stati Uniti.
Sorveglianza virale: il sottotipo di virus influenzale più frequentemente segnalato dai laboratori di sanità pubblica durante la settimana 52 era quello dell'influenza A (H3). È aumentata inoltre la percentuale di campioni respiratori che risultano positivi all'influenza nei laboratori clinici.
Mortalità da polmonite e influenza: la proporzione di decessi attribuiti a polmonite e influenza è stata inferiore alla soglia epidemica specifica del sistema nel Sistema nazionale di sorveglianza della mortalità del Centro nazionale di statistica sanitaria (NCHS).
Decessi pediatrici associati a influenza: è stata riportata una morte pediatrica associata ad influenza.
Ricoveri ospedalieri influenzali: è stato segnalato un tasso cumulativo di 13.7 ricoveri ospedalieri influenzali confermati dal laboratorio per 100.000 abitanti.
Sorveglianza della malattia ambulatoriale: la proporzione di visite ambulatoriali per malattia simil-influenzale (ILI) è stata del 5,8%, che è superiore alla soglia nazionale del 2,2%. Tutte le 10 regioni hanno riportato ILI a livelli di base specifici o superiori alla regione. New York City e 26 stati hanno sperimentato una grande attività di ILI; Porto Rico e nove stati hanno sperimentato attività moderata di ILI; il distretto di Columbia e sei stati hanno sperimentato una bassa attività di ILI; e nove stati hanno avuto una minima attività di ILI.

www.cdc.gov/flu/weekly/

» Weekly U.S. Influenza Surveillance Report | Seasonal Influenza (Flu)

Vai all'archivio

Inizio pagina