FSK utilizza i Cookies per migliorare la vostra esperienza su questo sito. Proseguendo la navigazione nel nostro sito web, senza modificare le impostazioni dei Cookies, acconsentite all’utilizzo degli stessi.
Se volete saperne di più su come li utilizziamo, vi invitiamo a consultare la nostra Cookies policy.

Fondazione Smith Kline

 

Statine: problemi di misurazione e appropriatezza terapeutica

05.09.2018

La malattia cardiovascolare aterosclerotica è la principale causa di morbilità e mortalità negli Stati Uniti.
Le statine, o inibitori della 3-idrossi-3-metilglutaril coenzima A reduttasi, sono generalmente ben tollerate e hanno dimostrato la capacità di ridurre il rischio di eventi cardiovascolari e mortalità di circa il 30% .

Tuttavia, nonostante la loro utilità clinica e linee guida nazionali definite, i medici non riescono a prescriverle a circa il 50% dei pazienti che potrebbero trarne beneficio.

L'approccio tradizionale dei medici per identificare i pazienti eleggibili per le statine è il riconoscimento individuale che un paziente soddisfi i criteri clinici previsti.
Anche quando i sistemi per l'individuazione dei criteri sono automatizzati, i promemoria vengono generalmente forniti solo al momento della visita.
Questo approccio porta spesso a ritardi o insuccessi nelle cure perché alcuni pazienti contattano il loro medico raramente e perché spesso i percorsi di prevenzione non possono essere adeguatamente discussi se ci sono problemi acuti o il tempo a disposizione è limitato.
La disponibilità di un cruscotto automatico per pazienti idonei alla terapia con statine, potrebbe essere utile ad affrontare molte di queste sfide.

Questi strumenti potrebbero aiutare i medici a identificare possibili lacune nelle cure per un intero gruppo di pazienti, indipendentemente dai tempi delle visite individuali.
Molti sistemi sanitari li stanno già utilizzando per fornire informazioni ai medici sulle possibili modificazioni dell'assistenza clinica. Tuttavia, l'associazione di questi dashboard con gli esiti di salute dei pazienti non è stata ancora ben esaminata.

In questo studio clinico randomizzato, l'obiettivo era valutare l'efficacia di un cruscotto automatico utilizzando un quadro di scelta attivo con e senza feedback comparativo sulle prestazioni, per spingere i medici di base a prescrivere statine in modo appropriato per pazienti che non erano precedentemente in terapia con statine. Lo studio è stato implementato in modo pragmatico in modo da indirizzare l'impegno dei sistemi sanitari per ridisegnare gli approcci per gestire al meglio queste popolazioni di pazienti.

» Jama Network: "Effect of an Automated Patient Dashboard Using Active Choice and Peer Comparison Performance Feedback to Physicians on Statin Prescribing"

» Jama Network: "Making Measurement Matter"

Vai all'archivio

Inizio pagina