FSK utilizza i Cookies per migliorare la vostra esperienza su questo sito. Proseguendo la navigazione nel nostro sito web, senza modificare le impostazioni dei Cookies, acconsentite all’utilizzo degli stessi.
Se volete saperne di più su come li utilizziamo, vi invitiamo a consultare la nostra Cookies policy.

Fondazione Smith Kline

 

Ridurre la mortalità infantile nei paesi ad alto reddito: da dove occorre partire?

16.07.2018

Nel 2000, le Nazioni Unite hanno immaginato un percorso di azione globale per sradicare le disuguaglianze e combattere le molte dimensioni della povertà con gli Obiettivi di sviluppo del Millennio (OSM), i quali sono serviti come quadro generale per lo sviluppo sanitario, sociale ed economico.

Durante questo periodo, il tasso globale di mortalità infantile sotto i 5 anni è diminuito di una impressionante percentuale del 53%, ma non ha ancora raggiunto l'obbiettivo della la riduzione dei due terzi dal 1990 al 2015.

I progressi nel miglioramento della sopravvivenza infantile sono stati infatti disomogenei e le disparità persistono sia nei paesi in via di sviluppo che in quelli ad alto reddito.

Nello studio sulla mortalità infantile sotto i 4 anni in Svezia e Inghilterra, Ania Zylbersztejn e colleghi evidenziano la disparità dei tassi di mortalità tra i neonati e i bambini di età inferiore ai 4 anni, tra questi due paesi. Tra le 3.932.886 nascite in Inghilterra ci sono stati 11.392 decessi, e tra le 1.013.360 nascite in Svezia ci sono stati 1.927 decessi.

I rapporti di rischio non corretti (HR) per l'Inghilterra rispetto alla Svezia erano 1 · 66 (95% CI 1 · 53-1 · 81) a 2-27 giorni, 1 · 59 (1 · 47-1 · 71) a 28-364 giorni e 1 · 27 (1 · 15-1 · 40) a 1-4 anni.

Zylbersztejn e colleghi hanno cercato di stabilire i driver di queste differenze.

Usando potenziali elementi avversi nel contesto del parto (peso alla nascita, età gestazionale e anomalie congenite) e sesso come proxy per i fattori di rischio che si verificano prima della nascita, e fattori socioeconomici (età materna e stato socioeconomico) come misure dei fattori di rischio dopo la nascita, riportano che il determinate più importante della mortalità in eccesso in Inghilterra rispetto alla Svezia è la prevalenza di caratteristiche di nascita avverse. Nel primo mese di vita, il 77% del rischio di morte in eccesso in Inghilterra rispetto alla Svezia era spiegato dalle caratteristiche di nascita e un ulteriore 3% da fattori socioeconomici. Dal secondo mese fino alla fine del primo anno di vita, il 68% del rischio in eccesso è stato spiegato dalle caratteristiche di nascita e un ulteriore 11% da fattori socioeconomici. A 1-4 anni, non vi era alcuna differenza significativa tra i paesi.

» The Lancet: "Reducing child mortality in high-income countries: where to from here?"

» The Lancet: "Child mortality in England compared with Sweden: a birth cohort study"

Vai all'archivio

Inizio pagina