FSK utilizza i Cookies per migliorare la vostra esperienza su questo sito. Proseguendo la navigazione nel nostro sito web, senza modificare le impostazioni dei Cookies, acconsentite all’utilizzo degli stessi.
Se volete saperne di più su come li utilizziamo, vi invitiamo a consultare la nostra Cookies policy.

Fondazione Smith Kline

 

Operatori sanitari stranieri: chi si prende cura di loro?

27.11.2017

Prendersi cura degli operatori sanitari migranti, con questo intento il 21 novembre, l'OMS ha pubblicato un rapporto Women on the move: migrazione, lavoro di cura e salute, rapporto che getta i necessari riflettori sulla difficile situazione delle donne migranti che forniscono assistenza domiciliare.

Il rapporto è stato commissionato dall'OMS in risposta all'incremento dell'interesse politico globale in materia di migrazione e salute del lavoro dopo le discussioni alla riunione del G7 in Giappone nel maggio 2016, che ha chiesto maggiore attenzione verso i migranti e al loro ruolo nel lavoro di cura, sia pagato che non retribuito.

Gli operatori sanitari migranti forniscono un'assistenza essenziale per le persone vulnerabili, spesso le più anziane, personale che garantisce il funzionamento dei sistemi di assistenza sanitaria e di assistenza sociale in altri paesi, ma che potrebbero avere, loro stessi, difficoltà di accesso all'assistenza sanitaria mentre, contemporaneamente, sono spesso costretti a lasciare i propri figli per trovare lavoro e salario altrove.

» The Lancet: "Caring for migrant health-care workers"

» Women on the Move - Migration, care work and heath - Policy Brief

» Women on the Move - Migration, care work and heath

Vai all'archivio

Inizio pagina