FSK utilizza i Cookies per migliorare la vostra esperienza su questo sito. Proseguendo la navigazione nel nostro sito web, senza modificare le impostazioni dei Cookies, acconsentite all’utilizzo degli stessi.
Se volete saperne di più su come li utilizziamo, vi invitiamo a consultare la nostra Cookies policy.

Fondazione Smith Kline

 

Mitigare la reticenza migliora le cure e la relazione medico-paziente

20.12.2018

La trasparenza e la sincerità del paziente nei confronti dei medici è un elemento essenziale della relazione clinico-paziente e della cura del paziente stesso.

I medici si affidano ai pazienti per disvelare e capire i loro sintomi, i comportamenti di salute e i loro pensieri e sentimenti in modo che i medici possano fare diagnosi appropriate e raccomandazioni sui trattamenti necessari.

Senza informazioni accurate, le raccomandazioni e le decisioni dei medici possono persino danneggiare i pazienti.

Ad esempio, se un paziente omette i dettagli sul suo attuale uso di farmaci (compresi i prodotti da banco), un medico potrebbe inconsapevolmente prescrivere un farmaco controindicato. Nonostante l'importanza che i pazienti forniscano informazioni accurate ai clinici, esiste una radicata convinzione che, nel campo della medicina, i pazienti mentono ai clinici che li curano.

Per esempio, è stato suggerito che i medici dovrebbero raddoppiare i dati dei pazienti sull'uso di alcol e dimezzare invece la quantità di esercizio fisico riportata, per ottenere un quadro clinico più preciso. Questa convinzione consolidata, suggerisce che i pazienti potrebbero non fornire ai medici le informazioni mediche essenziali.

La limitata ricerca condotta fino ad oggi su questi temi sembra dire che, coerentemente con questa situazione, una parte sostanziale dei pazienti sottace informazioni importanti ai loro medici.

Ad esempio, l'Health Trends National Trends Survey ha rivelato che il 12,3% dei pazienti ha sempre riportato informazioni con poca trasparenza al proprio medico, principalmente per una certa preoccupazione per la sicurezza o la privacy delle loro cartelle cliniche.

Molti intervistati in queste indagini hanno intenzionalmente taciuto informazioni importanti ai loro medici e sono stati più propensi a farlo quando non erano d'accordo o frainteso le istruzioni del loro medico. Una migliore comprensione di come aumentare la confidenza dei pazienti riportando integralmente queste informazioni, può migliorare la relazione clinico-paziente così come la cura e la salute dei paziente.

» Jama: "Prevalence of and Factors Associated With Patient Nondisclosure of Medically Relevant Information to Clinicians"

Vai all'archivio

Inizio pagina