FSK utilizza i Cookies per migliorare la vostra esperienza su questo sito. Proseguendo la navigazione nel nostro sito web, senza modificare le impostazioni dei Cookies, acconsentite all’utilizzo degli stessi.
Se volete saperne di più su come li utilizziamo, vi invitiamo a consultare la nostra Cookies policy.

Fondazione Smith Kline

 

Malattie Respiratorie, una riflessione a Bologna: la BPCO è la quarta causa di morte nel mondo

29.01.2019

La Redazione della Rivista della Fondazione Smith Kline - Tendenze Nuove - ha partecipato al Convegno: MALATTIE RESPIRATORIE - la presa in carico del paziente con BPCO in Regione Emilia-Romagna che si è tenuto a Bologna, il 23 Gennaio 2019.

I fattori che causano la BPCO sono molteplici: fumo di sigaretta, attività lavorative nocive e l'inquinamento atmosferico. Questa patologia è caratterizzata da un notevole impatto a carico dei pazienti e dei loro famigliari, da alti costi economici per il SSN, in quanto i malati ricorrono frequentemente alle cure ospedaliere e vengono posti, nelle fasi terminali della malattia, in ossigeno e ventilo-terapia. La gestione tra ospedale e territorio è molto più semplice nelle prime fasi della malattia, perché tiene in considerazione non solo l'aspetto farmacologico, ma anche quello psicologico e soprattutto quello riabilitativo. Infatti la riabilitazione respiratoria rappresenta un approccio terapeutico importante a dimostrare un'efficacia e un'efficienza superiore a molte terapie farmacologiche.

Secondo i dati Istat le malattie respiratorie rappresentano in Italia la terza causa di morte per gli uomini, con 77,1 morti per 100 mila abitanti mentre per le donne la quinta causa di morte, con un tasso di 61,8 eventi per 100 mila abitanti. Tra le regioni italiane con maggiori decessi emerge l'Emilia Romagna (3.612).

Per quanto riguarda la situazione in Europa le malattie respiratorie rappresentano, dopo le malattie del sistema circolatorio e i tumori, la terza principale causa di morte nell'Unione Europea (Dati Eurostat), con una media di 83 decessi per 100 000 abitanti nel 2013.

In Regione Emilia-Romagna è stata fatta una valutazione e il relativo monitoraggio dell'assistenza ai pazienti affetti da BPCO, nel quali risulta che questi pazienti, con età ≥ 45 ha effettuato almeno un ricovero, nell'anno della rilevazione (o nei 5 precedenti), con diagnosi di BPCO. Da tutto ciò emerge che la prevalenza, in Emilia-Romagna, di pazienti affetti da BPCO (circa 100.000) è di circa 26 ogni 1.000 assistiti dai medici di medicina generale (nel 2017) con una variabilità compresa fra il 22,9 a Modena e il 30,4 a Bologna.

Gli indicatori di qualità, come i trattamenti potenzialmente inappropriati, le cosiddette "condizioni sensibili al trattamento ambulatoriale", presentano numeri molto bassi (0.8 per 1000 pazienti) e variano da uno 0.4 nella provincia di Reggio-Emilia fino ad uno 0.8, quasi ovunque, nell'attuale Azienda USL della Romagna.

Sempre per quanto riguarda le Regione Emilia-Romagna, la percentuale dei pazienti con almeno una visita corrisponde al 26% e con almeno una spirometria al 15%. L'aderenza è al 27%, con delle punte fino al 31,3% in Romagna, ma mediamente i pazienti che si sono recati almeno una volta, nel trimestre, in farmacia a prendere i farmaci per la BPCO è inferiore al 30% a livello regionale.

In merito ai costi, su 100.000 pazienti considerati, hanno ricevuto per BPCO 16.145 ricoveri nel 2017 con una spesa di 64.159.812 € e una spesa media per paziente variabile tra 4.580 € nella popolazione più anziana e fino a 5.779 € nella popolazione di età compresa fra 65 e 74 anni.

Per la farmaceutica, la spesa media a carico del paziente è di 477,21 €, globalmente di 26.550.162 € e i due principi attivi che da soli rappresentano il 52% del consumo sono il tiotropio bromuro e il salmeterolo. La spesa è mediamente più elevata per i maschi, spendendo circa 500 € all'anno in farmaci per BPCO e le femmine scendono a 450 €. Invece per la spesa specialistica ambulatoriale siamo circa 50 € all'anno per paziente trattato e le prestazioni principali sono soprattutto le visite, che da sole rappresentano circa 30.000 prestazioni (66% del consumo).

Per saperne di più:

» www.motoresanita.it/wordpress/wp-content/uploads/2019/01/Oreste-Capelli.pdf

» www.motoresanita.it/wordpress/wp-content/uploads/2019/01/Andrea-Zamboni.pdf

» www.motoresanita.it/wordpress/wp-content/uploads/2019/01/Andrea-Donatini.pdf

» www.motoresanita.it/wordpress/wp-content/uploads/2019/01/Claudio-Jommi.pdf

» www.motoresanita.it/wordpress/wp-content/uploads/2019/01/Stefano-Nava.pdf

» www.motoresanita.it/wordpress/wp-content/uploads/2019/01/Anna-Baldini.pdf

» Imma Cacciapuoti: "La Population Health Management e la presa in carico della cronicità/fragilità in Regione Emilia-Romagna: Focus sulla BPCO"

Vai all'archivio

Inizio pagina