FSK utilizza i Cookies per migliorare la vostra esperienza su questo sito. Proseguendo la navigazione nel nostro sito web, senza modificare le impostazioni dei Cookies, acconsentite all’utilizzo degli stessi.
Se volete saperne di più su come li utilizziamo, vi invitiamo a consultare la nostra Cookies policy.

Fondazione Smith Kline

 

L’insostenibile peso dei trattamenti innovativi in oncologia

13.06.2017

L'allarme, che non è altro che una reiterazione di altre segnalazioni sul tema, arriva dall'American Congress Of Clinical Oncology (Asco) di Chicago. I trattamenti antitumorali più moderni rischiano di portare da un lato ad significativi miglioramenti della spettanza di vita dei pazienti, ma dall'altro potrebbero diventare difficili da sostenere per i singoli e per i sistemi sanitari.

Oltre 20 tipi di tumori sono stati trattati con uno o più dei 70 nuovi trattamenti lanciati negli ultimi 6 anni, portando la spesa mondiale per il cancro a 107 miliardi di dollari nel 2015. Ed è prevista un aumento di questa cifra fra il 7,5% e il 10,5% fino a raggiungere i 150 miliardi di dollari nel 2020. In Italia, peraltro, la situazione non appare particolarmente rosea per il Sistema Sanitario Nazionale.

Un'analisi di 16 sperimentazioni condotte tra il 1999 e il 2015, a cui hanno partecipato 3.760 pazienti italiani, colpiti da tumore del polmone, della mammella o dell'ovaio, ha evidenziato che il 22,5% presentava "tossicità finanziaria' e un rischio di morte nei mesi e anni successivi del 20% più alto rispetto ai malati senza problemi economici. L'analisi è stata condotta dall'Istituto Nazionale Tumori Pascale di Napoli.

Nel 2015 in Italia la spesa per i farmaci anticancro è stata pari a 4 miliardi e 175 milioni, con un incremento del 7,1% rispetto al 2014. L'aumento è stato inferiore rispetto al biennio precedente (+9,6%), quando queste uscite erano passate da 3 miliardi e 557 milioni di euro (2013) a 3 miliardi e 899 milioni (2014).

Vai all'archivio

Inizio pagina