FSK utilizza i Cookies per migliorare la vostra esperienza su questo sito. Proseguendo la navigazione nel nostro sito web, senza modificare le impostazioni dei Cookies, acconsentite all’utilizzo degli stessi.
Se volete saperne di più su come li utilizziamo, vi invitiamo a consultare la nostra Cookies policy.

Fondazione Smith Kline

 

Definizione dei benchmark ottimali per i pagamenti “Value-Based” in sanità: soluzione perfetta?

16.04.2018

L'obiettivo degli acquisti basati sul valore è quello di premiare i medici e le organizzazioni sanitarie che sono in grado di ottenere prestazioni più elevate in termini di misure di qualità.

In linea di principio, sarebbe semplice. Ma una sfida emerge quando si tenta di stabilire un punto di riferimento per un ipotetico pagamento. Quanto è alta la qualità? Per molte misure, in teoria (perfetto = 100% o 0% = fallimento) è teoricamente possibile. Ad esempio, è possibile che il 100% dei pazienti con malattia coronarica che sia sottoposto a terapia antiaggregante piastrinica, abbia una valida controindicazione o effettui una scelta informata per rifiutare la terapia.

Tuttavia, in un test sui limiti del miglioramento della qualità nella pratica clinica, il raggiungimento del 100% non appare possibile. Gli autori di questo studio hanno implementato un intervento articolato composto da: strumenti di supporto decisionale clinico, documentazione relativa a controindicazioni mediche o di rifiuto del paziente, serie di ordini collegati, notifica mensile di pazienti che non stavano assumendo "farmaci essenziali" prescritti, ed inoltre audit e feedback confrontati con benchmark interni ed esterni.

» Jama.com: "Setting Achievable Benchmarks for Value-Based Payments No Perfect Solution"

Vai all'archivio

Inizio pagina