FSK utilizza i Cookies per migliorare la vostra esperienza su questo sito. Proseguendo la navigazione nel nostro sito web, senza modificare le impostazioni dei Cookies, acconsentite all’utilizzo degli stessi.
Se volete saperne di più su come li utilizziamo, vi invitiamo a consultare la nostra Cookies policy.

Fondazione Smith Kline

 

Circa il 50% dei pazienti oncologici non riferisce i disturbi legati alla malattia

06.03.2018

Presentati oggi - 28 febbraio - al Senato i dati di quattro sondaggi e la campagna dell'Associazione Italiana di Oncologia Medica sulla gestione integrata delle persone colpite da cancro. L'obiettivo è quello di creare collaborazioni strutturate fra centri oncologici, medici di famiglia e Farmacisti

"Lo specialista - spiega Elisabetta Iannelli, vicepresidente Aimac (Associazione italiana malati di cancro) - è il principale punto di riferimento nella gestione degli effetti collaterali. Spesso però il paziente, per timore o insicurezza, preferisce non parlare dei piccoli disturbi che non hanno rilevanza clinica determinante, ma sono in grado di peggiorare la qualità di vita e, oggi, non trovano capacità d'ascolto, giusta attenzione e adeguate risposte. Uno strumento che potrebbe facilitare la comunicazione di questi disturbi è costituito dai PRO-CTCAE, Patient Reported Outcomes - Common Terminology Criteria for Adverse Event, un questionario utilizzato nelle ricerche cliniche negli USA e in altri Paesi con cui il paziente segnala in autonomia e in maniera dettagliata gli effetti collaterali dei trattamenti anti-tumorali».

» Gruppo di lavoro PRO CTCAE

» Repubblica.it: "Tumori, oltre il 40% dei pazienti non parla al medico dei disturbi quotidiani"

 

Vai all'archivio

Inizio pagina