FSK utilizza i Cookies per migliorare la vostra esperienza su questo sito. Proseguendo la navigazione nel nostro sito web, senza modificare le impostazioni dei Cookies, acconsentite all’utilizzo degli stessi.
Se volete saperne di più su come li utilizziamo, vi invitiamo a consultare la nostra Cookies policy.

Fondazione Smith Kline

 

Burnout medico: soddisfazione personale, qualità dell’assistenza e sicurezza del paziente

19.03.2019

L'ultimo decennio è stato un periodo di epocali cambiamenti nel sistema sanitario americano.

I consolidamenti e le fusioni societarie hanno sostanzialmente modificato la struttura organizzativa dell'assistenza sanitaria, con la maggior parte dei medici ora impiegati in nuovi modelli di pratica clinica.

Le normative e le politiche sanitarie, tra cui l'Affordable Care Act, l'uso significativo e l'accesso a Medicare e il CHIP Reauthorization Act del 2015 hanno trasformato il lavoro quotidiano dei medici statunitensi. L'ampia diffusione di cartelle cliniche elettroniche (EHR) ha di conseguenza aumentato l'onere amministrativo e ha portato, ad esempio, a ridurre il tempo di risposta del medico nel loro rapporto con i pazienti.

Il medico medio spende ora circa la metà della giornata lavorativa e altre 28 ore al mese nelle notti e nei fine settimana completando le attività EHR. Con la costernazione di molti medici, misure di efficienza amministrativa (ad esempio, quanto velocemente i messaggi in-box sono stati risolti o altre procedure legate alla fatturazione), misure ancora imperfette di soddisfazione del paziente e metriche di produttività (ad es. generazione di unità di valore relativo), hanno ridisegnato quello che le organizzazioni definiscono cosa significa essere: un "buon dottore".

Il burnout e la soddisfazione con la scala WLI tra i medici statunitensi sono migliorati tra il 2014 e il 2017. Questa tendenza è motivo di ottimismo e suggerisce che i progressi siano possibili e in corso. Nonostante questo miglioramento, i sintomi di burnout tra i medici continuano ad essere prevalenti e marcatamente più alti di quelli osservati nella popolazione lavorativa generale degli Stati Uniti. Data l'evidenza che il burnout influisce sulla soddisfazione del paziente, sull'accesso, sulla qualità dell'assistenza e sui costi, sono necessari sforzi continui per compiere ulteriori necessari, progressi.

» Mayo Clinic: "Changes in Burnout and Satisfaction With Work-Life Integration in Physicians and the General US Working Population Between 2011 and 2017"

Fonte: https://www.mayoclinicproceedings.org/


Vai all'archivio

Inizio pagina