FSK utilizza i Cookies per migliorare la vostra esperienza su questo sito. Proseguendo la navigazione nel nostro sito web, senza modificare le impostazioni dei Cookies, acconsentite all’utilizzo degli stessi.
Se volete saperne di più su come li utilizziamo, vi invitiamo a consultare la nostra Cookies policy.

Fondazione Smith Kline

 

Barriere all’immigrazione: che implicazioni per la formazione dei medici e la salute dei pazienti?

13.03.2019

La proclamazione presidenziale 9645 (Miglioramento delle capacità di valutazione e dei processi per individuare il tentativo di ingresso negli Stati Uniti da parte di terroristi o altre minacce alla pubblica sicurezza), confermata dalla Corte suprema degli Stati Uniti nel giugno 2018, ha ricevuto notevole attenzione nella comunità medica. Questa proclamazione ha introdotto l'incertezza nella vita di alcuni medici in formazione, medici-scienziati, medici-insegnanti e pazienti, comprese le preoccupazioni sull'accesso alle cure, la diversità della forza lavoro del medico e la carenza di medici in alcune specialità.

La procedura in effetti si applica solo a una piccola percentuale di laureati in medicina internazionale (IMG). Nella sua ultima versione, infatti, riguarda i viaggiatori provenienti da Iran, Libia, Corea del Nord, Somalia, Siria e Yemen, e tutti i funzionari del governo venezuelano. La comunità sanitaria è stata abbastanza preoccupata per esprimere un certo disagio riguardo ai suoi potenziali effetti immediati come la possibilità che i programmi di formazione residenziali non siano in grado di classificare i candidati più qualificati a causa delle restrizioni sui visti e delle carenze previste della tipologia dei medici (legate all'invecchiamento della popolazione e al numero crescente di persone) e dei pazienti con più condizioni croniche contemporaneamente.

IN conclusione, sebbene il numero di medici colpiti dalla proclamazione presidenziale 9645 sia piuttosto limitato, in particolare in relazione alle 25.000 posizioni disponibili nel primo anno, la domanda più fondamentale è quale tipo di società vogliono gli Stati Uniti. La collaborazione scientifica ed educativa internazionale è diventata un fatto comune e limitare l'accesso agli individui semplicemente perché provengono da un particolare paese può avere un effetto shoccante sugli Stati Uniti come paese leader nel campo della biomedica, clinica, della ricerca e dell'istruzione nel mondo.

» Jama: "Long-term Potential Implications of Immigration Barriers forMedical Education"

Fonte: https://jamanetwork.com/journals/

Vai all'archivio

Inizio pagina