FSK utilizza i Cookies per migliorare la vostra esperienza su questo sito. Proseguendo la navigazione nel nostro sito web, senza modificare le impostazioni dei Cookies, acconsentite all’utilizzo degli stessi.
Se volete saperne di più su come li utilizziamo, vi invitiamo a consultare la nostra Cookies policy.

Fondazione Smith Kline

 

Tendenze Nuove > Numero 1/2018 (gennaio-giugno)

Valore in Prevenzione, Valore di Fondazione

Copertina Valore in Prevenzione, Valore di Fondazione (gennaio-giugno)

Torna all'indice

Questo numero di Tendenze Nuove, dal quale ho l'onore di assumere lavice presidenza della Fondazione, presenta il Rapporto conclusivo di attivitàdi "Valore in Prevenzione - Un Programma a supporto delle decisioni informatein ambito di programmazione, organizzazione, gestione e comunicazionedelle politiche vaccinali in Italia", uno dei progetti di maggiori dimensioni ecomplessità realizzato negli ultimi anni da Fondazione Smith Kline.

Prevenzione e valore sono concetti tra loro strettamente associati, sia alivello economico che umano e sociale:
"ogni dollaro speso nella vaccinazione infantile genera 3 dollari di risparmionella prospettiva del SSN e 10 in quella della società;
1 euro speso per la vaccinazione può liberare 24 euro reinvestibili inassistenza clinica per chi si ammala;
la copertura del 75% del vaccino antinfluenzale nei paesi dell'Unione europeaeviterebbe72,6 milioni di costi diretti e112 milioni di costi indiretti
per l'Italia è stato calcolato che, vaccinando tutti i cittadini tra i 50 e i 64anni contro l'influenza, con un investimento massimo di 76 milioni di euro cisarebbe un risparmio per il SSN pari a 746 milioni di euro, con un rapporto costo/beneficio di 1 a 10;
nel 2002-2003, l'epidemia italiana di morbillo, a fronte di circa 20 milacasi, ha portato a un costo di 22 milioni di euro;
l'impatto annuale clinico ed economico della patologia pneumococcicatra gli adulti statunitensi di età superiore ai 50 anni è di circa 3,7 miliardi didollari di costi diretti totali;
• è stato dimostrato che, per ogni euro investito in vaccini, lo Statoricava almeno 4 euro per effetto di costi evitati e vantaggi per la fiscalità".

Questi risultati rappresentano il valore della vaccinazione in terminieconomici, espressione di un rapporto positivo tra i benefici ed i rischi alivello sia del singolo che della collettività.Se bastassero queste cifre a spiegarne il valore ed a garantirne l'adozione, la vaccinazione sarebbe una delle attività più facili ed agevoli da discutere ecomunicare. Comunicare i vaccini, invece, è difficile perché i vaccini sonoun argomento emotivamente complesso e richiedono uno stile comunicativoche vada oltre il dato e che renda le scelte operate dalle persone come emotivamenterilevanti, utilizzando anche la narrazione come strumento integrativoalle strategie di comunicazione della promozione vaccinale.

Il progetto "Valore in Prevenzione" bene rappresenta e descrive la modalitàattraverso la quale Fondazione Smith Kline opera nelle sue 3 aree diinteresse (Prevenzione, Politiche Sanitarie, Innovazione):
• ascolto della società civile e delle istituzioni per identificare le criticitàalle quali proporre soluzioni o le opportunità da presentare e diffondere;
• costituzione di Gruppo di Progetto, con la partecipazione volontariadi esperti, che attraverso incontri, studi, interviste, workshop affrontino itemi ed avanzino proposte e/o raccomandazioni per la loro gestione;
• pubblicazione dei risultati sulla rivista Tendenze Nuove;
• comunicazione dei risultati ai soci di Fondazione Smith Kline, allasocietà civile ed alle sue istituzioni attraverso un convegno dedicato;
• diffusione e discussione dei risultati a livello regionale e locale, conl'obiettivo di raccogliere nuovi contributi e pareri in grado di rafforzare edeventualmente migliorare le proposte e/o raccomandazioni;
• eventuale progetto pilota per verificare la fattibilità delle propostee/o raccomandazioni avanzate dal Gruppo di Progetto.

Con questo modello operativo sono stati recentemente approvati nuoviprogetti, che da una parte contribuiscono all'ulteriore definizione del valoredella prevenzione ("Prevenzione vaccinale nel paziente con malattia cronica - Ilcaso della BPCO BroncoPneumopatia Cronica Ostruttiva"), dall'altro rispondonoad un bisogno, emerso di recente in modo sempre più prepotente, di consentireal nostro Paese uno sviluppo dell'Intelligenza Artificiale in sanità coerentecon i valori della nostra società ("Artificial Intelligence & Digital Health").

Come il Valore in Prevenzione dipende dall'efficacia della sua strategiacomunicativa, basata tanto sulla razionalità dei numeri, quanto sull'emozionedel racconto, in modo simile è nostra intenzione che il Valore di FondazioneSmith Kline sia sempre più basato su una nuova capacità di comunicare nonsolo i propri valori di indipendenza e trasparenza, ma anche le proprie iniziativeed i propri progetti in un modo che possa raggiungere nuovi pubblici enuove persone, con l'intento e l'auspicio di attrarre nuove forze e nuove risorse.

Inizio pagina