FSK utilizza i Cookies per migliorare la vostra esperienza su questo sito. Proseguendo la navigazione nel nostro sito web, senza modificare le impostazioni dei Cookies, acconsentite all’utilizzo degli stessi.
Se volete saperne di più su come li utilizziamo, vi invitiamo a consultare la nostra Cookies policy.

Fondazione Smith Kline

 

Una epidemiologia molecolare per l’HIV: una nuova strategia e una ipotesi per la trasformazione della prevenzione dell'infezione

12.04.2018

Per molte malattie infettive, ad esempio infezioni alimentari, tubercolosi e virus Ebola, identificarne e controllare i focolai è una componente di routine della risposta possibile di salute pubblica.

Sebbene questo approccio non sia stato un obiettivo tradizionale degli sforzi di prevenzione per l'HIV, si verificano epidemie anche di HIV (come dimostrato da un'epidemia del 2015 nella Contea di Scott, Indiana, con quasi 200 casi di infezione da HIV diagnosticati in meno di un anno).

Identificazione dei cluster di trasmissione e le conseguenti epidemie sono stati tradizionalmente difficili per diversi motivi, tra cui ritardi tra infezione e diagnosi, mobilità delle popolazioni che portano a cluster di trasmissione geograficamente dispersi e limitazioni nell'identificazione di partner sessuali e di assunzione di droga che potrebbero essere infetti.

Una nuova strategia che utilizza i dati della sequenza nucleotidica dell'HIV raccolti attraverso la sorveglianza molecolare, può aiutare a superare alcuni di questi ostacoli.

Ad esempio, un'analisi dei dati di sorveglianza molecolare dell'HIV negli Stati Uniti per il periodo 2013-2015 ha identificato 13 cluster di trasmissione dell'HIV recenti e in rapida crescita con tassi di trasmissione di 35 per 100 persone/anno, oltre 8 volte quello della media nazionale di 4 per 100 persone/anni.

I funzionari della sanità pubblica delle giurisdizioni interessate hanno rivelato che solo uno di questi cluster era stato precedentemente indentificato dal personale del dipartimento della sanità. Sebbene l'analisi dei dati sulla sequenza genomica per comprendere i cluster di trasmissione sia diventata più diffusa negli ultimi anni, tali analisi sono state tipicamente retrospettive. Fino ad ora, i dati sulla sequenza dell'HIV raccolti attraverso tale sorveglianza raramente sono stati analizzati in modo prospettico per avviare azioni di sanità pubblica immediate e mirate.

» Jama.com: "Molecular Epidemiology and the Transformation of HIV Prevention"

Vai all'archivio

Inizio pagina