FSK utilizza i Cookies per migliorare la vostra esperienza su questo sito. Proseguendo la navigazione nel nostro sito web, senza modificare le impostazioni dei Cookies, acconsentite all’utilizzo degli stessi.
Se volete saperne di più su come li utilizziamo, vi invitiamo a consultare la nostra Cookies policy.

Fondazione Smith Kline

 

Lobbying sociale: una chiamata alle armi per la salute pubblica

26.04.2018

Il termine lobbying deriva dalle lobby pubbliche del Parlamento britannico a Londra, dove i cittadini preoccupati si riunivano almeno dal XVI secolo per parlare con i funzionari eletti a margine dei dibattiti legislativi. Nel gergo di oggi, il lobbismo si è evoluto fino a rappresentare un approccio più pernicioso e sistematico nell'influenzare i legislatori, approccio che si è verificato molto più in profondità che in precedenza nei corridoi del potere.

Nel 2018, i rappresentanti dell'industria alimentare, automobilistica, energetica e altri, esercitano il loro diritto di presentare petizioni a funzionari eletti in nome del profitto e non delle persone.

Nell'ultimo decennio, le aziende hanno speso oltre 3 miliardi di dollari all'anno per esercitare pressioni solo negli Stati Uniti.

Tra il 2002 e il 2012, la spesa totale per attività di lobbying negli Stati Uniti è cresciuta del 4% all'anno, il doppio del tasso di crescita del proprio prodotto interno lordo.

Nello stesso periodo, le spese di lobbying da parte delle industrie di bevande zuccherate e fast food sono cresciute rispettivamente del 9,2% e del 12,3%.

Proteggendo con cura i loro interessi, molte società e gruppi industriali invitano a prevenire nuove leggi e regolamenti che minacciano i profitti, compresi gli sforzi per frenare il consumo di prodotti noti per danneggiare la salute umana.

Non sorprende che il lobbismo sia stato identificato come uno dei quattro canali chiave - insieme a marketing, complesse e grandi catene di approvvigionamento e responsabilità sociale delle imprese - che contribuiscono al successo dell'influenza aziendale presso le Istituzioni.

Al contrario, i settori della società civile e del non profit non svolgono attività di lobbying nella stessa misura.

Uno studio del 2007 su una indagine trasversale su oltre 1700 gruppi di advocacy senza scopo di lucro, ha rilevato che quasi i due terzi non avevano "mai" o "raramente" preso parte a operazioni di lobbying.

» The Lancet: "Social lobbying: a call to arms for public health"

Vai all'archivio

Inizio pagina