FSK utilizza i Cookies per migliorare la vostra esperienza su questo sito. Proseguendo la navigazione nel nostro sito web, senza modificare le impostazioni dei Cookies, acconsentite all’utilizzo degli stessi.
Se volete saperne di più su come li utilizziamo, vi invitiamo a consultare la nostra Cookies policy.

Fondazione Smith Kline

 

Come stabilire l'efficacia delle prove randomizzate?

26.11.2018

Gli interventi procedurali comprendono una componente ampia e in crescita dell'assistenza medica.

Pazienti, medici, organizzazioni sanitarie e pagatori sono altamente motivati ​​a determinare la sicurezza e l'efficacia di questi interventi. Gli studi clinici randomizzati di grandi dimensioni (RCT) sono ampiamente accettati come aventi la massima validità interna e forniscono quindi la prova della massima qualità per guidare la pratica clinica.

Gli RCT sono stati ampiamente adottati come prerequisito per la concessione di licenze a nuovi farmaci. Tuttavia, esistono ostacoli sostanziali alla conduzione e all'attuazione di studi randomizzati nella valutazione degli interventi procedurali, come ad esempio il ruolo degli approcci chirurgici robotici al cancro del retto. Anche se questi ostacoli sono stati da tempo riconosciuti, la proliferazione di tecnologie nuove e spesso costose, accoppiate con i cambiamenti nell'ambiente normativo, il suggerire nuovi approcci potrebbe essere necessario per l'approvazione dei dispositivi medici più innovativi.

» Jama.com: "Establishing the Effectiveness of Procedural Interventions"

Vai all'archivio

Inizio pagina