FSK utilizza i Cookies per migliorare la vostra esperienza su questo sito. Proseguendo la navigazione nel nostro sito web, senza modificare le impostazioni dei Cookies, acconsentite all’utilizzo degli stessi.
Se volete saperne di più su come li utilizziamo, vi invitiamo a consultare la nostra Cookies policy.

Fondazione Smith Kline

 

Cattiva condotta scientifica, tra ricercatori e riviste mediche

25.10.2018

Secondo il Dipartimento della Sanità e dei Servizi Umani degli Stati Uniti, "Cattiva condotta della ricerca significa fabbricazione, falsificazione o plagio nel proporre, eseguire o revisionare la ricerca, o nel riportare risultati di ricerca."

Altre importanti irregolarità che riguardano il processo di ricerca biomedica includono, ma che sono non limitate a questioni etiche (es. mancato ottenimento del consenso informato, mancato ottenimento dell'approvazione appropriata da parte di un comitato di revisione istituzionale e maltrattamenti dei partecipanti alla ricerca), riguardano questioni che implicano responsabilità e controversie sull'autore, duplicazione della pubblicazione e mancata segnalazione di conflitti di interesse .

Quando si scopre che gli autori sono stati coinvolti in cattive condotte di ricerca o altre gravi irregolarità riguardanti articoli pubblicati su riviste scientifiche, gli editori hanno la responsabilità di assicurare l'accuratezza e l'integrità della documentazione scientifica.

Sebbene non si sappia molto sulla prevalenza della cattiva condotta scientifica, diversi studi con metodi spesso insufficienti hanno stimato che la prevalenza di scienziati che sono stati coinvolti in cattive condotte scientifiche varia dall'1% al 2%.

» Jama: "Scientific Misconduct and Medical Journals"

Vai all'archivio

Inizio pagina