FSK utilizza i Cookies per migliorare la vostra esperienza su questo sito. Proseguendo la navigazione nel nostro sito web, senza modificare le impostazioni dei Cookies, acconsentite all’utilizzo degli stessi.
Se volete saperne di più su come li utilizziamo, vi invitiamo a consultare la nostra Cookies policy.

Fondazione Smith Kline

 

Informazione scientifica per medici specialisti (ISPE)

Il gruppo

Il progetto proposto da FSK "L'informazione scientifica specialistica ospedaliera in Italia: tra bisogni informativi, sistema regolatorio e nuove tecnologie", chiariti gli obiettivi del Gruppo di Lavoro (GdL) e iniziato nel marzo 2014.
E' stata concordato di accettare come tuttora valida la definizione di informazione scientifica del farmaco elaborata dal precedente gruppo di lavoro specifico di FSK; tale informazione è considerata indipendente dalla finalità dell'erogatore (sia esso industriale, informazione promozionale, o pubblico/istituzionale) ed è declinata come segue: "l'informazione sui farmaci è un trasferimento di dati, notizie, riferimenti bibliografici e altro, inerenti le caratteristiche dei prodotti medicinali, attraverso varie forme e modalità. Per essere considerata "scientifica" l'informazione sui farmaci deve essere contemporaneamente oggettiva (basata su dati empirici), verificabile e riproducibile (prodotta con metodo scientifico) e accessibile (al fruitore dell'informazione ed a altre parti interessate). Sono pertanto da considerare non scientifici tutti i dati empirici non prodotti con metodo scientifico o prodotti con metodi non verificabili; sono, di conseguenza, non considerate scientifiche le informazioni su farmaci basate su semplici opinioni di esperti."
Oltre a queste caratteristiche generali, l'informazione sui farmaci dovrebbe proporsi di offrire a clinici, cittadini e ad altri "decisori" dati scientificamente validi e trasferibili, in modo da facilitare in pratica le decisioni terapeutiche e gestionali. A questo proposito, come suggerisce la Dichiarazione di Helsinki, i benefici, rischi e costi delle terapie dovrebbero essere valutati rispetto alle migliori terapie disponibili, idealmente in studi randomizzati, mentre un confronto con placebo o con nessun intervento dovrebbe essere accettabile solo in assenza di terapie di dimostrata efficacia. Inoltre i farmaci dovrebbero essere studiati su popolazioni e in circostanze che riflettano la pratica clinica e dovrebbero essere valutati in base a indicatori considerati clinicamente rilevanti per i pazienti e i clinici. Infine, i possibili conflitti di interesse di chi produce le informazioni (ricercatori, sponsor, editori) dovrebbero essere chiaramente indicati.

Tutte queste considerazioni saranno dunque centrali per la valutazione del livello qualitativo dell'informazione attualmente erogata, sia essa di origine industriale o istituzionale.
E' stata accettata come valida la proposta che il Gruppo di Lavoro si concentri sull'informazione specialistica nelle aree dell'infettivologia virologica (in particolare HIV) ed eventualmente dell'oncologia, due settori ad alto tasso di innovazione e ricerca in ambito terapeutico ed in Italia tuttora di esclusiva pertinenza ospedaliera.

Si riconferma l'importanza di valutare il ruolo, valore ed attuale impatto delle nuove tecnologie nelle modalità di erogazione dell'informazione scientifica in Italia.

Per quanto riguarda le modalità di lavoro del GdL:

- Si ritiene necessaria la preparazione di un docume nto che, dato il nuovo focus (farmaci innovativi e/o complessi/costosi) e lo scenario regolatorio/normativo in evoluzione, aggiorni il precedente documento elaborato da FSK e tenga in particolare conto dei nuovi problemi, nuove tendenze, nuove tecnologie, media, nuovi targets come specialisti e decisori, e nuovi stakeholders (associazioni pazienti, particolarmente attente e rilevanti nei settori specialistici considerati), e specifichi il nuovo percorso progettuale.

- Considerando parte fondamentale del progetto la ricerca attraverso una survey specifica, si rende necessario verificarne la fattibilità con Doxa ed assicurare la disponibilità di risorse specifiche da parte di FSK.

- Si considera operativamente utile la costituzione di un gruppo ristretto di coordinamento che elabori il documento di progetto, e si faccia carico di lavorare con gli esperti di Doxa per l'elaborazione dei contenuti del questionario per la survey; viene proposto di interessare eventualmente le società scientifiche di riferimento per assicurare una migliore adesione alla survey.

- Coordinamento: Maurizio Bassi, Giulio Formoso, Paola Mosconi, Paolo Rizzini.

Il Gruppo ha concluso i suoi lavori in modo molto positivo realizzando un articolo scientifico pubblicato recentemente sulla Rivista: BMC Medical Informatics and Decision Making - » Visualizza l'articolo (PDF)

Componenti

Nome Cognome Qualifica/Indirizzo
Silvia Adami
Regione Veneto
Maurizio Bassi
Fondazione Smith Kline
Paolo Bonfanti
Infettivologo, Ospedale di Lecco
Anna Lisa Campomori
Farmacista Azienda Ospedaliera di Trento
Giulio Formoso
Regione Emilia Romagna
Armando Genazzani
Farmacologo, Università del Piemonte Orientale
Paola Mosconi
Istituto Ricerche Farmacologiche Mario Negri
Giuliano Rizzardini
Infettivologo, Ospedale Sacco di Milano
Paolo Rizzini
Fondazione Smith Kline

Lista Gruppi di Lavoro

Inizio pagina