FSK utilizza i Cookies per migliorare la vostra esperienza su questo sito. Proseguendo la navigazione nel nostro sito web, senza modificare le impostazioni dei Cookies, acconsentite all’utilizzo degli stessi.
Se volete saperne di più su come li utilizziamo, vi invitiamo a consultare la nostra Cookies policy.

Fondazione Smith Kline

 

Presentazione del volume: "Rapporto Prevenzione 2011 «le attività di prevenzione»"

08.02.2012

Roma
Aula Pocchiari – Istituto Superiore di Sanità
Viale Regina Elena, 299

La legge 833 del 1978, istitutiva del Servizio Sanitario Nazionale, dichiara che il Ssn è destinato, con i suoi servizi, strutture e attività, «alla promozione, al mantenimento e al recupero della salute fisica e psichica di tutta la popolazione ». «Promozione e mantenimento»: la prevenzione, dunque, in primo piano. Eppure, ancora oggi, per la prevenzione non si riesce a spendere la quota del 5% del fondo sanitario prevista per legge. Di fronte a tale situazione, la Fondazione Smith-Kline, nell'ambito delle attività istituzionali dedicate alla propria area operativa di medicina preventiva e in collaborazione con la Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (S.It.I.), ha deciso di intraprendere alcuni interventi tendenti a favorire il passaggio dal «modello malattia» al «modello salute», vale a dire la transizione, almeno parziale, dell'oggetto di intervento del Servizio Sanitario Nazionale dall'individuo malato alla popolazione sana, prima, cioè, che si presenti la malattia. Di qui l'idea del Rapporto Prevenzione, giunto nel 2011 alla seconda edizione e come sempre articolato in due parti. La prima parte è dedicata alle attività dell'Osservatorio Italiano sulla Prevenzione e si propone di acquisire e diffondere informazioni e «best practices» attraverso un metodo di raccolta e analisi dei dati standardizzato. La seconda parte è dedicata ogni anno ad un diverso approfondimento tematico. Tema del 2011 sono «Le attività di prevenzione »: per ciascuna area di intervento si offrono l'analisi dello scenario epidemiologico, la descrizione delle attività in corso e delle «best practices», l'individuazione delle prospettive future.

La Fondazione Smith Kline, nell'ambito delle attività istituzionali dedicate alla propria area operativa di medicina preventiva, ha deciso di realizzare il II° Rapporto Prevenzione. Il Rapporto è composto da una prima parte dedicata allo sviluppo della costituzione dell'Osservatorio Italiano della attività regionali di prevenzione (OIP) che si propone di raccogliere e diffondere informazioni e best practices, attraverso un metodo di raccolta ed analisi dei dati standardizzata, mentre la seconda parte verrà dedicata, ogni anno, ad un approfondimento tematico, per il 2011: "Le attività di prevenzione".

La Fondazione Smith Kline presenta il Volume a Roma in data 8 febbraio 2012 presso l'Aula Pocchiari dell'Istituto Superiore di Sanità, Viale Regina Elena 299, a partire dalle ore 14.30

Il Volume, che verrà distribuito a tutti i partecipanti, presenta, in ordine alfabetico i Curatori dell'opera:

Antonio Boccia è Direttore del Dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie Infettive, Sapienza Università di Roma e Presidente eletto della S.It.I. (Società Italiana di Igiene, Medicina preventiva e Sanità Pubblica);

Cesare Cislaghi, è Responsabile della Sezione LEA e Monitoraggio Spesa sanitaria dell'Agenas (Agenzia Nazionale per i Servizi sanitari regionali), Università degli Studi di Milano.

Antonio Federici, è dirigente del Ministero della salute e del Centro nazionale per la prevenzione e il controllo delle malattie Centro nazionale per la prevenzione e il controllo delle malattie

Domenico Lagravinese è Coordinatore del Collegio operatori sanità pubblica (S.It.I.), Direttore del Dipartimento di Prevenzione e del Servizio Igiene e Sanità Pubblica dell'Asl di Bari;

Anna Lisa Nicelli è Vice Presidente e Segretario Generale della Fondazione Smith Kline, Roma

Giovanni Renga è Professore Emerito di Igiene del Dipartimento di Sanità Pubblica e di Microbiologia, Università di Torino, S.It.I. (Società Italiana di Igiene, Medicina preventiva e Sanità Pubblica).

Walter Ricciardi è Direttore dell'Istituto di Igiene, Università Cattolica Sacro Cuore di Roma, S.It.I. (Società Italiana di Igiene, Medicina preventiva e Sanità Pubblica).

Carlo Signorelli è Professore Ordinario di Igiene generale e applicata dell'Università degli Studi di Parma e Vicepresidente S.It.I. (Società Italiana di Igiene, Medicina preventiva e Sanità Pubblica);

Marco Trabucchi è Professore Ordinario nella Facoltà medica dell'Università di Roma Tor Vergata e Responsabile dell'Area Politiche Sociali e Sanitarie della Fondazione Smith Kline, Roma

Paolo Villari è Professore Ordinario, Dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie Infettive, Sapienza Università di Roma e Segretario generale della S.It.I. (Società Italiana di Igiene, Medicina preventiva e Sanità Pubblica).

Maurizio Bassi, Antonio Boccia, Francesco Calamo Specchia, Cesare Cislaghi, Antonio Federici, Fausto Francia, Domenico Lagravinese, Lorenzo Marensi, Fabrizio Magrelli, Anna Lisa Nicelli, Maria Grazia Pompa, Giovanni Renga, Walter Ricciardi, Giuseppe Scaramuzza, Carlo Signorelli, Marco Trabucchi e Paolo Villari sono membri del Board Prevenzione della Fondazione Smith Kline

Allegati

Scheda del volume

Lista eventi

Inizio pagina