FSK utilizza i Cookies per migliorare la vostra esperienza su questo sito. Proseguendo la navigazione nel nostro sito web, senza modificare le impostazioni dei Cookies, acconsentite all’utilizzo degli stessi.
Se volete saperne di più su come li utilizziamo, vi invitiamo a consultare la nostra Cookies policy.

Fondazione Smith Kline

 

Rischio obesità segnalato da esame delle urine

04.05.2015

Che soprappeso, obesità e sindrome metabolica rappresentino alcune tra le principali minacce per la salute pubblica e la sostenibilità dei sistemi sanitari è ormai certo. Tuttavia, il problema è sempre quello di individuare i soggetti a rischio e sottoporli a controlli specifici per evitare incrementi ponderali pericolosi. In questo senso una buona notizia viene da una ricerca svolta dagli scienziati dell'Imperial College di Londra, apparsa su Science Translational Medicine, che avrebbero identificato alcuni marcatori urinari in grado di indicare in quali soggetti la presenza dell'obesità si traduce in un incremento del rischio di patologia.

Gli studiosi hanno preso in esame oltre 2000 campioni di urine controllando 29 metaboliti potenzialmente in grado di correlarsi con l'indice di massa corporea. L'attenzione si è fissata sui metaboliti legati all'energia prodotta nei muscoli e in quelli correlati al microbioma intestinale, che appaiono di grande interesse per definire la presenza di patologie correlate all'obesità e soprattutto potrebbero aiutare a riconoscere quali sono i soggetti non obesi da tenere sotto maggior controllo perchè a rischio di sviluppare malattie metaboliche e aumento ponderale.

Torna alla lista

Inizio pagina