FSK utilizza i Cookies per migliorare la vostra esperienza su questo sito. Proseguendo la navigazione nel nostro sito web, senza modificare le impostazioni dei Cookies, acconsentite all’utilizzo degli stessi.
Se volete saperne di più su come li utilizziamo, vi invitiamo a consultare la nostra Cookies policy.

Fondazione Smith Kline

 

Quale futuro per il mercato farmaceutico?

14.11.2014

Nell'ambito di Over The Horizon, l'appuntamento firmato IMS Health (NYSE: IMS) che ogni anno fa il punto sul mercato farmaceutico, si è studiato ciò che attende il mercato dei farmaci nel prossimo futuro. Le prospettive non sono certo buie. "Nei prossimi cinque anni, a livello globale, prevediamo un ritorno del tasso di innovazione simile a quello dei primi anni 2000. Verranno infatti lanciati una media di 35 NCE ogni anno, per la gran parte farmaci biologici e orfani che avranno meccanismi di azione del tutto nuovi. In Italia, tuttavia, questa trasformazione arriva con un significativo ritardo rispetto alla registrazione dei nuovi farmaci a livello europeo - è il commento di Sergio Liberatore, GM di IMS Health". Per quanto riguarda gli ambiti geografici, I paesi emergenti e gli Stati Uniti rappresentano più del 60% del mercato globale farmaceutico e l'80% del contributo alla crescita. L'aspetto interessante nello studio dei ranking è la scalata dei paesi emergenti che generano il 50% della crescita prevista dal 2014 al 2018, occupando metà delle posizioni nella classifica dei top 20. Al secondo posto permane la Cina, seguita dal Brasile che, aggiudicandosi la quinta posizione, supera anche la Francia.

Lo sviluppo del sistema passerà per l'innovazione, mentre in Italia l'evoluzione del mercato sarà puntata soprattutto sui farmaci della medicina specialistica, sullo sviluppo dei canali DPC e sull'ospedaliero. Inoltre fra i principali driver di sviluppo ci saranno il web ed in generale le applicazioni di e-health, che stanno assumendo un ruolo chiave a livello di comunicazione e nella generazione di cost saving. Allo stesso tempo, grazie al consolidamento della comunicazione digitale, si prevede che entro il 2020 ci saranno più consultazioni mediche attraverso i canali virtuali rispetto alle visite tradizionali. Inoltre, il digital rappresenterà l'anello di congiunzione fondamentale tra i pazienti, le diverse Associazioni e gli altri attori del settore.

Torna alla lista

Inizio pagina