FSK utilizza i Cookies per migliorare la vostra esperienza su questo sito. Proseguendo la navigazione nel nostro sito web, senza modificare le impostazioni dei Cookies, acconsentite all’utilizzo degli stessi.
Se volete saperne di più su come li utilizziamo, vi invitiamo a consultare la nostra Cookies policy.

Fondazione Smith Kline

 

Prevenzione della morte improvvisa: le dieci regole dell’ESC

04.09.2015

Nell'ambito del Congresso della Società Europea di Cardiologia tenutosi a Londra sono stati proposti dieci "comandamenti" per il trattamento dei pazienti con aritmie ventricolari e per la prevenzione della morte cardiaca improvvisa. Ecco, in sintesi, le norme da osservare:

1) Studiare approfonditamente i pazienti con aritmie ventricolari note o sospette, applicando sia metodiche non invasive che invasive (quando indicate): una buona diagnosi eziologica è il primo passo per la gestione efficiente dei pazienti e per la prevenzione della morte improvvisa.

2) Sottoporre a uno studio autoptico completo le vittime di morte improvvisa, soprattutto quando sono giovani: l'identificazione di una malattia genetica del cuore come causa della morte potrebbe salvare altri individui affetti nella stessa famiglia.

3) Considerare l'uso di un defibrillatore impiantabile in tutti i pazienti sopravvissuti ad un episodio di arresto cardiaco verificatosi senza apparenti cause reversibili o durante la fase acuta di un infarto miocardico. Questi pazienti hanno un alto tasso di recidive aritmiche potenzialmente fatali.

4) Assicurarsi che i pazienti con sindromi coronariche acute (infarto del miocardio, soprattutto con sopra livellamento del tratto ST) siano sottoposti urgentemente a rivascolarizzazione coronarica, specialmente quando hanno episodi ricorrenti di tachicardia ventricolare o fibrillazione ventricolare: la riduzione dei ritardi aiuta a prevenire la morte improvvisa nelle sindromi coronariche acute.

5) Valutare ripetutamente la funzione contrattile del ventricolo sinistro (frazione di eiezione) nei pazienti con infarto acuto del miocardio, prima della dimissione e dopo 6-12 settimane dall'evento: i pazienti con cardiopatia ischemica possono beneficiare dell'impianto di un defibrillatore impiantabile per la prevenzione primaria della morte improvvisa.

6) Prescrivere una terapia ottimale nei pazienti con insufficienza cardiaca e grave disfunzione contrattile del ventricolo sinistro (frazione di eiezione ventricolare sinistra ≤35%), che comprenda farmaci (ACE-inibitori, beta-bloccanti e antagonisti dell'aldosterone) e, se indicato, un defibrillatore impiantabile.

7) Considerare l'aggiunta della terapia di resincronizzazione cardiaca per i pazienti con le caratteristiche del punto precedente, quando abbiano anche disturbi della conduzione intraventricolare (blocco di branca sinistro e durata del QRS > 120 ms).

8) Le nuove linee guida della Società europea di Cardiologia per la prevenzione della morte cardiaca improvvisa hanno aggiornato i criteri diagnostici per alcune malattie aritmogene ereditarie, tra cui la sindrome del QT lungo e la sindrome di Brugada. Applica i nuovi criteri diagnostici nella tua pratica clinica.

9) Considerare l'ablazione trans-catetere (eseguita in centri esperti) per il trattamento di pazienti che con tachicardie ventricolari causate da "cicatrici" (secondarie ad un pregresso infarto o a una cardiomiopatia), o con frequenti tempeste aritmiche.

10) Discutere con i tuoi pazienti l'impatto che l'uso di un defibrillatore impiantabile può avere sulla loro qualità di vita, prima dell'impianto e durante la progressione della loro malattia. Considera la possibilità di disattivare il defibrillatore quando le loro condizioni cliniche peggiorano irreversibilmente. Rispetta sempre l'autonomia decisionale dei tuoi pazienti.

Torna alla lista

Inizio pagina