FSK utilizza i Cookies per migliorare la vostra esperienza su questo sito. Proseguendo la navigazione nel nostro sito web, senza modificare le impostazioni dei Cookies, acconsentite all’utilizzo degli stessi.
Se volete saperne di più su come li utilizziamo, vi invitiamo a consultare la nostra Cookies policy.

Fondazione Smith Kline

 

World No Tobacco Day 2018: Tabacco e malattie cardiache

Ogni anno, il 31 maggio, l'OMS e i relativi Centri di collaborazione nazionali, celebrano il World No Tobacco Day (WNTD), evidenziando i rischi per la salute associati al tabagismo e sostenendo politiche efficaci per ridurre il consumo di tabacco. L'obiettivo di World No Tobacco Day 2018 è: "Tabacco e malattie cardiache".

La campagna è finalizzata ad aumentare la consapevolezza su:

- collegamento tra tabacco, cuore e altre malattie cardiovascolari (CVD), tra cui ictus, che combinate sono le principali cause di morte nel mondo;

- azioni e misure attuabili che le popolazioni chiave, compresi i governi e i cittadini, possono adottare per ridurre i rischi per la salute del cuore provocati dal tabacco.

La Giornata mondiale senza tabacco 2018 coincide con una serie di iniziative e opportunità globali volte ad affrontare l'epidemia di tabacco e il suo impatto sulla salute pubblica, in particolare nel causare la morte e la sofferenza di milioni di persone a livello mondiale.

Queste azioni comprendono le iniziative globali Hearts e RESOLVE supportate dall'OMS, che mirano a ridurre le morti per malattie cardiovascolari e migliorare l'assistenza, in previsione della terza riunione ad alto livello dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite sulla prevenzione e il controllo delle malattie non trasmissibili, che si terrà nel 2018.

Per quanto riguarda l'Italia, l'Ossfad del Centro Nazionale Dipendenza e Doping dell'Istituto Superiore di Sanità, sottolinea come sia particolarmente preoccupante il profilo del giovane fumatore tratteggiato nell'indagine Explora su un campione rappresentativo di 15.000 ragazzi tra i 14 e i 17 anni.

Sono soprattutto maschi, frequentano istituti professionali e licei artistici, i genitori hanno un livello di istruzione medio-basso e non controllano le spese dei figli, risultano propensi al rischio e hanno una percezione del proprio rendimento scolastico mediocre o appena sufficiente. I giovani fumatori abituali, inoltre, sono quelli che fanno meno sport e che bevono più energy drink.

Una situazione che il Presidente dell'ISS Walter Ricciardi, commenta così: «È necessario potenziare sistemi di prevenzione primaria per scongiurare questa nuova linea di tendenza che vede il consumo di tabacco anche tra i giovanissimi prima che a questa dipendenza se ne associno altre altrettanto o più pericolose».

L'indagine Passi (Progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia) evidenzia, però, un aumento del divieto di fumo nei locali pubblici e nei luoghi di lavoro, derivati dal sistema di sorveglianza di popolazione condotta dalle Asl e coordinata sempre dall'Iss: il rispetto a 15 anni dalla Legge Sirchia continua ad essere quasi totale.

Mentre una seconda indagine Iss-Doxa, realizzata su un campione nazionale di oltre 3.000 soggetti rappresentativo della popolazione italiana, ha confermato, una situazione di stallo in relazione al numero totale dei fumatori: sono 12,2 milioni, in leggero aumento rispetto al 2017 (11,7 milioni).

» TOBACCO BREAKS HEARTS - Choose health, not tobacco

Inizio pagina